Il futuro della musica in Italia? I cetrioli…

gurkophonSarete tutti al corrente delle drammatiche decurtazioni annunciate dal governo nel quadro della prossima legge finanziaria al cosidetto FUS (fondo unico dello spettacolo).

Sono a rischio non solo le programmazioni dei nostri enti di produzione musicale più prestigiosi, ma anche i cartelloni delle mille piccole realtà di diffusione musicale sul territorio, quel sottobosco fatto di associazioni di appassionati, che, tradizionalmente alle prese con croniche difficoltà di bilancio, verranno presumibilmente strangolate da tagli previsti intorno al 40%.
Per chi, come me, vive di musica suonata e insegnata, è l’ennesimo presagio del disfacimento.
Le reazioni del mondo dello spettacolo sono state forti e determinate: si va dalle serrate dei cinema allo sciopero della fame, passando per le dichiarazioni indignate di registi, ex-ministri e operatori.
kuerbisMa forse c’è una via d’uscita per il contenimento drastico dei costi.
Un’idea semplice ed efficace che viene da Vienna, culla della musica colta.
Non so se in Austria si siano posti lo stesso nostro dilemma, nè se i musicisti di cui sto per parlarvi abbiano, realmente o in senso figurato, patito la fame. Fatto sta che esiste un ensemble chiamato Vegetable Orchestra, che si esibisce dal vivo suonando strumenti realizzati solo ed esclusivamente con i più disparati vegetali. Tuberi, verdure di stagione, ortaggi, selezionati e acquistati il giorno del concerto, intagliati con cura, producono suoni variegati che se propriamente amplificati e elaborati dal vivo, fanno invidia a certe produzioni di musica elettronica.
Non ci credete? Ascoltate qui.
Ovviamente un gruppo cameristico viennese si prende molto sul serio e non può esimersi nè da un doveroso omaggio alla tradizione occidentale dell’avanguardia storica (Cage, Xenakis) nè da una strizzatina d’occhi al pubblico: i loro concerti includono anche una versione tutta speciale della Marcia Radetzky.
E sapete come terminano le loro esibizioni?
Indovinato, con un bel minestrone caldo offerto gratuitamente al pubblico che può reclamare liberamente il bis!
Provate a pensare ai vantaggi di un’operazione del genere:
– i musicisti viaggiano senza strumenti al seguito (li comprano freschi al locale supermercato);
– i costi di gestione sono molto ridotti;
– le spese di vitto sono abbattute drasticamente;
– il pubblico, sebbene forse disorientato dalla “musica”, ottiene pur sempre un pasto caldo in cambio del biglietto di ingresso.
Ora, mi chiedo, perché la nostra maledetta esterofilia fa si che questi eccellenti musicisti vengano in Italia in tournée a farci assaggiare il loro minestrone?
paprikatroeteNon saremmo in grado, noi molto meglio di loro, di produrci in un’eccellente zuppa bollente?
E poi, non si potrebbe barattare una parte dei minacciati tagli finanziari con l’impegno, da parte di tutti gli enti di produzione musicale, piccoli e grandi, di organizzare una o più serate vegetal-musicali?
Tutti artisti italiani però! Appelliamoci con orgoglio alle nostre tradizioni gastronomiche, visto che di quelle musicali non importa più niente a nessuno, tantomeno a chi ci governa…

3 thoughts on “Il futuro della musica in Italia? I cetrioli…

  1. com’è e come non è il giorno che si sono svolte le manifestazioni contro il taglio al FUS ho visto in TV ben QUATTRO volte il famoso “highlander” Maurizio Scaparro, una volta accanto alla ex ministra Veltroniana G. Melandri e altre tre in foggia di contestatore dei tagli; mi chiedo se, tutto sommato e tutto detratto, un taglio serio, SERIO! ai finanziamenti dei grandi carretti clientelari non sia, in prospettiva, un bene.
    Un taglio serio ai finanziamenti a enti come lo Stabile di Napoli, creato dalla sinistra campana per omaggiare uno dei meno fulgidi registi del nostro panorama teatrale, quel Mario Martone che non ha mai dato alcuna prova di se fuori da sostanziosi finanziamenti publici con sempre infimi consensi di pubblico, o ancora una bella decurtazione delle prebende distribuite dal Teatro Stabile del’Umbria o da quell’altra istituzione, pubblica sic!, governata da un padre padrone che è il Teatro stabile di modena.

    Per non parlare di decine, centinaia forse, di compagnie teatrali del tutto inesistenti, di cui nessuno conosce l’attività, ma che il nostro ministero continua lautamente a sponsorizzare.

    Fra il pubblico marcio dei padroni (per carità di SINISTRA) e il privato inesistente che succhia alla mammella del pubblico, forse forse una bella sforbiciata VERA al FUS premierebbe chi questo lavoro lo fa davvero.

    baciamo le mani cumpari currauzzu!

  2. Un altro ottimo articolo che ho letto tutto d’un fiato, sebbene il tema stavolta non sia dei piu’ allegri… almeno lo hai affrontato con quell’ironia mordace tipica dei tuoi conterranei, soprattutto quelli di spettacolo 🙂
    Bravo Corrado!

    Jack

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s